Ballata In Semplice Re - Michele Murino


Una volta ho amato una ragazza, la sua pelle era di bronzo.
Con l'innocenza di un agnello, era gentile come un cerbiatto.
L'ho corteggiata orgogliosamente ma adesso è andata via,
andata come le stagioni, portata via.

Nella brezza di una giovane estate, l'allontanai
Dalla madre e dalla sorella, sebbene molto vicine esse fossero.
Ciascuna nella sofferenza degli insuccessi del loro giorno,
con le redini della colpa cercarono a lungo di guidarci.

Delle due sorelle, amai la più giovane.
Con la sua istintiva sensibilità, era la più creativa.
Costantemente il capro espiatorio, fu presto distrutta
Dalla gelosia di coloro i quali stavano intorno a lei.

Per la sorella parassita, non avevo alcun rispetto,
costretta dalla noia, a proteggere il suo orgoglio.
Infinite immagini dell'altra rifletteva
Come sostegno per il suo mondo e la sua società.

Io stesso, per quello che ho fatto, non posso essere scusato,
I cambiamenti che attraversavo non possono essere addotti come scusa
per le bugie che ho detto nella speranza di non perdere
l'amore, forse, di tutta la mia vita.

Con inconsapevole coscienza, possedevo stretto in pugno
Un magnifico oggetto, sebbene il suo cuore fosse incrinato,
senza rendermi conto che ero già scivolato
nella presunzione della falsa sicurezza d'amore.

Da ira preesistente a pace fabbricata,
risposte di vuoto, vuoti di voce,
finché sul sepolcro del danno non si lesse che una domanda,
"Ti prego, cosa c'è di sbagliato, qual è esattamente il problema?"

E così successe come si sarebbe potuto prevedere,
l'esplosione senza tempo di un sogno della fantasia.
Nel cuore della notte, il re e la regina
Precipitarono in pezzi.

"Tragico figuro!" sua sorella gridò,
"Lasciala sola, Dio ti danni, vattene !"
Ed io nella mia armatura, mi voltai
inchiodandola alle rovine della sua meschinità.

Sotto una nuda lampadina l'intonaco tremava
La sorella ed io in una battaglia di urla.
E lei nel mezzo, vittima del frastuono,
presto frantumata come un bambino nelle ombre.

Tutto è perduto, tutto è perduto, ammettilo, fuggi lontano.
Io imbavagliato in lacrime di contraddizione che mi accecavano la vista.
Il cervello lacerato, corsi nella notte
Lasciando tutte le ceneri dell'amore dietro di me.

Il vento picchia alla finestra, la stanza è umida.
Le parole per dire mi dispiace, non le ho ancora trovate.
Penso spesso a lei e spero che chiunque abbia incontrato
Sappia ben riconoscere quanto sia preziosa.

Ah, i miei amici dalle prigione, mi domandano,
"Come è, come è sentirsi liberi?"
ed io rispondo loro misteriosamente,
"Sono liberi gli uccelli dalle catene del cielo?"

Specifications

Notes

Source: Michele Murino on the website Maggie's Farm

Leave a comment

You are commenting as guest. Optional login below.

  • 82,500+ cover versions
  • 800+ Cover Albums
  • Album Cover Covers
  • Draw Conclusions on the Wall
  • Magazine Covers
  • Mmmm... I love that Country Pie
  • Translations
  • Participate
  • Tribute bands
  • Tattoo Bob
  • All the latest news and additions
  • Subscribe to our Newsletter
  • Watch Video's
  • Milton Glaser Revisited